Vittorie, sconfitte e calzini spaiati

Per Daniela Simonetti, autrice del libro:
La letteratura legata allo sport ci consegna immagini e messaggi dove troppo spesso la vittoria è considerata l’unico fine dell’attività sportiva, per i bambini come per gli adulti. Lo sport è molto di più. È inclusione, costruzione di amicizie, partecipazione, crescita, rafforzamento dell’autostima e, soprattutto, per i più piccoli gioco e divertimento. L’agonismo precoce e fine a sé stesso rischia di inaridire lo sport e potrebbe portare a sacrificare una parte importante del mondo infantile. Questa pubblicazione vuole comunicare ai bambini un messaggio semplice: non conta un risultato o una classifica ma essere felici”.

I tre piccoli protagonisti del libro sono alle prese con la crescita, con le loro piccole e grandi preoccupazioni, con la loro vita di bambini dove lo sport non può essere un impegno totalizzante. Molti gli spunti di riflessione: l’errore come momento di costruzione, il patto di fiducia tra bambini e adulti, l’amicizia, la solidarietà e lo spirito di squadra come valori fondanti del contesto sportivo. I concetti di vittoria e sconfitta perdono significato, in primo piano i bambini, i loro sogni, i loro desideri, la loro poesia. Quegli stessi sogni, desideri e poesia che fanno parte di ciascuno di noi, ma che crescendo abbiamo forse in parte dimenticato.

Potrebbero interessarti anche

ChangeTheGame

Manuale per la consapevolezza contro gli abusi sui minori nello sport per i genitori.